Difficoltà: apple apple
Tempo: watch watch
Porzioni: fork_and_knife 6 persone

Il pollo teriyaki è un secondo di (probabile) origine giapponese a base di carne di pollo marinata in salsa di soia e poi cotta.
Con il termine teriyaki spesso ci si riferisce alla tecnica di cottura che prevede la marinatura e poi la cottura su griglia (teri=lucido; yaki=alla griglia), o alla salsa teriyaki, ovvero la salsa utilizzata per questa preparazione; tuttavia spesso si abusa di questo nome per parlare di diversi piatti simili.
Con questo metodo si possono cucinare vari tipi di carne, maiale, pollo, anatra, ma anche pesce, come sgombro e salmone.




Ricetta Pollo Teriyaki

Ingredienti

500 gr di cosce di pollo disossate
100 ml di sake (o vodka secca)
100 ml di salsa di soia
50 ml di mirin (o martini bianco)
3 cucchiai di zucchero di canna
1 cucchiaio di zenzero tritato

Preparazione

In una scodella preparate la salsa con il sake, il mirin, la salsa di soia, lo zucchero e lo zenzero.
Incidete la pelle del pollo in più parti.

Scaldate una padella e mettete il pollo a rosolare a fuoco alto senza olio, prima con la pelle rivolta verso il basso e poi girandolo per dorarlo anche dall’altro lato.
Quando sarà bella dorata, togliete la carne dalla padella e scolate il grasso.
Versate la salsa nella padella e scaldatela, aggiungete quindi il pollo e fate cuocere a fuoco basso per circa 10-15 minuti (dipende dalle dimensioni delle cosce) coprendo la padella con un coperchio e rigirando di tanto in tanto la carne.
Una volta cotto tagliate la carne a fette di circa 2 cm di spessore, sistematele nei piatti e bagnatele con la salsa.

Servite il pollo teriyaki accompagnato con riso bollito.

Suggerimenti

  • La carne più adatta è la coscia di pollo, ma può essere utilizzato anche il petto di pollo
  • Molti fanno marinare la carne per circa 30 minuti nella salsa prima di cuocerla, usando la marinatura durante la cottura
  • Se non disponibile potete sostituire il sake con della vodka secca
  • Il mirin è un tipo di sake dolce; si trova solo raramente in alcuni supermercati, e può essere sostituito con del martini bianco; potete anche usare del sake, ma in questo caso aggiungete dello zucchero in più
  • Per capire a che punto è la cottura pungete con uno stecchino le cosce nel punto più spesso, se sono cotte ne fuoriuscirà del liquido trasparente
  • Se la salsa dovesse ridursi troppo aggiungete ulteriore salsa di soia
  • Potete accompagnare il piatto con 100 gr (per porzione) di riso bollito