Difficoltà: apple apple
Tempo: watch watch watch
Porzioni: rice circa 2 kg di polenta

La polenta, piatto povero per antonomasia, rappresenta senza ombra di dubbio il piatto più diffuso sulle tavole contadine del nord Italia di un tempo. Preparata semplicemente con farina di mais (farina gialla) cotta in acqua salata per circa un’ora in un paiolo di rame e servita spesso per accompagnare piatti a base di carne, come stracotto d’asino, spezzatino di cervo o gulasch, salumi, formaggi e verdure (principalmente funghi).
La duttilità della polenta in cucina non ha eguali. Una volta preparata può essere riutilizzata in centinaia di modi diversi: il più diffuso è senza dubbio quello di utilizzare la polenta tagliata a fettine e fatta abbrustolire, per poi servirla con dei salumi o con del gras’ pistà, oppure sempre tagliata a fette e fritta in olio, può essere usata per preparare delle crocchette di taleggio e polenta, dei dischetti di polenta e acciughe, la schisola, o anche dolci tipici, come i fiapon e i mirtol. Da provare la torta dolce di polenta.
Ai giorni nostri la polenta spesso non viene più preparata “come una volta”, ma viene rimpiazzata da polente istantanee o già pronte. Nonostante la ricetta sia molto semplice, quello che viene a mancare è il tempo per continuare a mescolarla durante la cottura. In aiuto ci viene la tecnologia: esistono in commercio piccoli paioli di rame con “miscelatori” elettrici, che tengono la polenta mescolata al vostro posto.
In mancanza di un paiolo, va comunque bene una comune pentola.




Ricetta Polenta

Ingredienti

2 litri d’acqua
500 gr di farina gialla di grano turco
sale grosso

Preparazione

In un a pentola o (preferibilmente) in un paiolo di rame, portate a ebollizione l’acqua.
Aggiungete qualche pizzico di sale grosso e versate a pioggia la farina, mescolando continuamente con una frusta per evitare la formazione di grumi.
Quando la farina si sarà completamente amalgamata, sostituite la frusta con un mestolo (meglio se di legno) o con un “miscelatore elettrico”.

Fate cuocere a fiamma bassa per circa 40/50 minuti.

Quando mescolando, la polenta tenderà a staccarsi dalle pareti, è pronta.

Suggerimenti

  • Una volta venivano utilizzate per la preparazione due farine diverse (esempio metà farina normale e metà fioretto, unendo la seconda dopo 30 minuti di cottura della prima).
  • Sconsiglio di utilizzare solo fioretto per preparare la polenta
  • Se dovessero formarsi dei grumi, fate passare subito la polenta al passaverdure e ultimate poi la cottura
  • Il tempo di cottura dipenderà anche dalla macinatura della farina (bramata, fine, ecc…)
  • Per una polenta più o meno consistente variate la quantità di farina o di acqua
  • Alcuni consigliano di alzare la fiamma circa 5 minuti prima di toglierla dal fuoco, in modo che la polenta si stacchi più facilmente