Difficoltà: apple apple apple
Tempo: watch
Porzioni: fork_and_knife 4 persone

Con il termine pesto, la prima cosa che viene in mente è il pesto alla genovese, ovvero un condimento per pasta a base di basilico che viene “pestato” in un mortaio di marmo insieme ad aglio, pinoli, olio e formaggio grattugiato. Il pesto viene usato per condire le trofie, una pasta tipica ligure dalla forma lunga e sottile, ma è adatto per qualsiasi piatto di pasta (preferibilmente paste lunghe). Se non si dispone di un mortaio, il pesto può essere preparato con l’utilizzo di un frullatore; tuttavia il risultato finale non sarà paragonabile ad un pesto ottenuto tramite l’uso di un mortaio.




Ricetta Pesto alla Genovese

Ingredienti

100 ml di olio EVO
60 gr di foglie di basilic0
40 gr di grana padano grattugiato
20 gr di pecorino grattugiato
20 gr di pinoli
2 spicchi d’aglio
sale grosso

Preparazione

Nel mortaio: mettete nel mortaio le foglie di basilico insieme a un pizzico di sale e all’aglio pelato e tagliato a fettine, e iniziate a pestare con un movimento rotatorio non troppo violento.
Quando il basilico inizierà a perdere un liquido di colore verde, sempre pestando, unite i pinoli.
Successivamente aggiungete i formaggi grattugiati ed infine l’olio d’oliva, mescolando fino ad ottenere un composto cremoso.

Nel frullatore: riunite le foglie di basilico, l’aglio pelato e tagliato a fettine, i pinoli e l’olio.
Azionando il frullatore a scatti, e fermandolo per spingere il composto verso le lame con un mestolo, lavorate fino a ridurre il basilico in piccoli frammenti.
Aggiungete quindi i formaggi e frullate ancora, fino ad ottenere un composto cremoso.
Aggiustate di sapore con del sale fino.

Conservate il pesto alla genovese in vasetti di vetro ben chiusi, con la superficie ricoperta da un leggero strato d’olio.

Suggerimenti

  • È importante che il pesto venga lavorato il più rapidamente possibile per evitarne l’ossidazione
  • Il basilico ideale è quello a foglie piccole, dal gusto più delicato
  • Le foglie di basilico non devono essere lavate, tuttavia se troppo sporche mettetelo in un recipiente con acqua fredda, date un’energica mescolata e sgocciolate; ideale sarebbe lasciarle asciugare, ma si possono asciugare premendo delicatamente con un panno da cucina
  • Se preparato con un frullatore (meglio se potente) non deve essere lavorato troppo o si scalderà, rovinando il risultato finale; un trucco è quello di mettere il frullatore in frigo prima di utilizzarlo
  • A piacere potete dimezzare la quantità d’aglio
  • Si può utilizzare anche solo grana padano
  • Alcune varianti prevedono l’utilizzo di noci
  • Alcuni prima di utilizzare il pesto per condire la pasta ci aggiungono un cucchiaio di panna o un pezzo di burro
  • Il pesto si può anche surgelare