Difficoltà: apple apple
Tempo: watch watch watch
Porzioni: fork_and_knife 6-8 persone

Le frittelle di riso di San Giuseppe sono dei dolcetti che vengono preparati il 19 marzo, in occasione della festa di San Giuseppe. Una volta cotto il riso nel latte, viene ottenuto un impasto con tuorli e albumi montati a neve, che verrà infine fritto e cosparso di zucchero.
Queste frittelle di riso inoltre vengono spesso preparate durante il carnevale in molte regioni italiane, insieme alle chiacchiere, alle fritole e alle castagnole.




Ricetta Frittelle di Riso di San Giuseppe

Ingredienti

500 ml di latte
100 gr di riso
50 gr di farina bianca
25 gr di burro
20 gr di zucchero
3 uova
1 bicchierino di rum
scorza grattugiata di 1 limone
sale

-Altro
olio per friggere
zucchero

Preparazione

In un pentolino cuocete il riso nel latte per circa 15-20 minuti.
Durante la cottura unite al composto lo zucchero, il burro, la scorza grattugiata di limone ed il sale.

Non appena il riso sarà cotto toglietelo dal fuoco e fatelo riposare in una ciotola.

Quando si sarà raffreddato leggermente unite 3 tuorli d’uovo e, continuando a mescolare, aggiungete anche la farina ed il liquore.
Fate riposare per qualche minuto.
Intanto montate a neve le chiare d’uovo, quindi incorporatele al composto di riso.

In una casseruola portate in temperatura (circa 180 gradi) abbondante olio.
Una volta caldo fate cadere in esso delle piccole quantità di impasto, formandole con l’aiuto di un cucchiaio.
Friggete per qualche minuto, girando le frittelle per farle dorare in modo uniforme.
Quando saranno cotte scolatele ed appoggiatele su della carta assorbente.

Fate raffreddare leggermente le frittelle di riso, cospargetele con abbondante zucchero e servitele.

Suggerimenti

  • Il tempo di cottura potrebbe variare in base al tipo di riso utilizzato
  • L’impasto non deve essere troppo liquido; in caso aggiungere ancora della farina
  • L’olio deve essere abbondante in modo che le frittelle galleggino, e non deve superare i 180 gradi; per controllare se l’olio ha raggiunto la temperatura ideale si usa uno stuzzicadenti: se quando lo immergete vedete delle bollicine attorno ad esso vuol dire che l’olio è pronto